Quando la Coca Cola invento’ il Natale

nessun commento

Il significato profondo del Natale è sicuramente da ricercare altrove, ma senza falsi moralismi, dobbiamo ammettere che nulla ci spinge ad essere “generosamente” spendaccioni come l’atmosfera natalizia: le luci, i colori, le melodie e i profumi che fluttuano nell’aria del Natale, sono inebrianti e capaci di spezzare i nostri freni inibitori.

E’ impossibile non cominciare dall’inizio di questa magia, dall’anno 1931, quando la Coca Cola incaricò Haddon Sundblom d’illustrare la campagna natalizia della più famosa bibita al mondo.

Ed ecco il caro Santa Claus, sino ad allora di verde vestito, diventare un’icona per i secoli a venire: paffuto dalla folta barba bianca, rassicurante come il più tenero dei nonni, caldo e affettuoso nel suo completo rosso con bordo in pellicciotto bianco.

Da quel momento una tempesta emotiva ha fatto suo il Natale, creando la magia che oggi conosciamo. Proprio questo aspetto emozionale ci rapisce e ogni anno blocca la parte più razionale del nostro cervello.

Diventiamo più buoni, generosi e disponibili.

Non acquistiamo in base alla necessità o al valore dell’oggetto, ma guidati dalla sensazione che il pensiero di quel regalo ci suscita. Abbiamo bisogno di coccole e tutto sembra essere lì solo per questo. I profumi di cannella, spezie e cioccolato hanno un non so che di ancestrale e rassicurante e il monotono tintinnio dei sonagli e delle melodie natalizie ha lo stesso identico effetto.

La ripetitività dei gesti diventa tradizione: l’albero, il cenone, i regali sono il nostro rito consolatorio, fatto solo di emozioni positive.

Commercialmente il Natale è il momento in cui “porgiamo il fianco” al consumismo, affascinati dagli spot natalizi, appuntamento ormai immancabile.

Anche per il Natale 2019 non rimarremo delusi:

  1. Grandi Magazzini John Lewis

Per il 2019 hanno scelto di produrre una video meno commovente del solito ma carico di significato. I protagonisti sono la piccola Ava e il draghetto combinaguai Edgar. Il finale è un messaggio sull’amicizia e l’accettazione.  La colonna sonora è “Can’t Fight This Feeling” dei Bastille.

2. Apple

Sulle note della colonna sonora del film Up di Pixar, lo spot 2019 di Apple affronta il tema dell’amore e della nostalgia. La nonna non c’è più: per la prima volta il Natale non sarà lo stesso di sempre e i bambini percepiscono la tensione del dolore che aleggia in casa. L’iPad distrae i più piccoli tenedoli buoni e lontani dal dolore degli adulti. Ma la purezza dei sentimenti, aiutata dalla tecnologia, danno vita a qualcosa di unico.

3. Microsoft

Come fare a parlare il rennese? Facile! Con il traduttore Microsoft.

4. Esselunga

Esselunga non delude nello spot dedicato al Natale: il mix di storytelling, emozione e simpatia conquista lo spettatore e resta in linea con il messaggio del brand.

E non è ancora Natale….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...